Formia Rifiuti Zero, è venuto a mancare il Direttore Dario Gotti

Dario Gotti, direttore della Formia Rifiuti Zero, si è spento ieri, dopo una grave patologia.
Il personale della FRZ, l’Amministratore Unico Raphael Rossi, il Sindaco e i colleghi del Comune di Formia, si sono riuniti presso la sede operativa dell’azienda, per salutarlo e ringraziarlo per quanto fatto per la nostra città.

“Siamo orgogliosi – commenta il Sindaco Sandro Bartolomeo – di averlo avuto per un anno come direttore della nostra società. Si è dimostrato un professionista di grandi capacità che ha introdotto innovazioni nella gestione del servizio di cui Formia beneficerà per anni. Con la sua allegria e simpatia ha saputo conquistarsi in poco tempo l’affetto di tante persone. Siamo vicini alla sua famiglia e a tutti i suoi cari. Perdiamo un grande professionista, un amico, una persona perbene”.

“Lo ringrazio per tutto il lavoro che ha fatto per la mia comunità – commenta l’Assessore Claudio Marciano – Anche per merito del suo impegno instancabile, siamo riusciti a far partire l’azienda pubblica, a migliorare il servizio, a raggiungere il 65% di differenziata.
Dario si presentava alle cinque di mattina in cantiere, il suo ufficio era di fronte agli spogliatoi degli operai, che aveva fatto montare nuovi appena arrivato. Lo vedevi sopra un compattatore a discutere con l’autista e due ore dopo a scrivere un piano industriale. Nel suo lavoro era un fuoriclasse. Ma Dario era, soprattutto, una bella persona. Simpatico, sarcastico, acuto: era un leader, sapeva parlare a tutti, ha recuperato al lavoro tanti delusi con una battuta, un sorriso, la comprensione dei problemi dell’altro.
E poi Dario aveva un grande cuore. Quando l’ho conosciuto, in una piovosa giornata d’inverno nella sua Milano, per i primi 20 minuti mi ha parlato dei figli e della famiglia, che amava tantissimo, dei suoi progetti in Africa, dove voleva tornare a fare del bene, di organizzare un banco alimentare a Formia.
Ecco, Dario per me è stato un Compagno. Uso questa parola sapendo che ne sarebbe stato fiero: abbiamo condiviso una visione, lui ha fatto di tutto per tradurla in pratica. La sua carriera è finita a Formia, dove ha realizzato un piccolo capolavoro.

Ti saluto Maestro Gotti, spero che in tanti sapranno raccogliere la tua eredità”.